Collant Movie: fuori le gambe!

La storia di un accessorio unico per le donne. Sexy, rivoluzionario e trasformista secondo le mode, nel tempo.

Nel 1938 nasce la prima fibra sintetica al mondo, chiamata Nylon, "resistente come l'acciaio e delicata come una ragnatela”, inventata dalla du Pont de Nemours. La ditta non registra il nome “nylon” anche se, dopo l'annuncio dell'invenzione, la produzione fa boom, spinta dalla richiesta di pubblico femminile che fa lunghe file davanti ai negozi per accaparrarsi un paio di calze.

 

Nel 1940 inizia la II guerra mondiale e la produzione di calze in nylon viene bloccata. In mancanza del sogno proibito, scatta un trucco: le donne si disegnano una linea sulla parte posteriore delle gambe per simulare la cucitura delle adorate calze. Terminato il conflitto, l’oggetto del desiderio riappare e ricomincia il delirio di acquisti.

 

Nel 1950 una nuova rivoluzione sboccia negli Stati Uniti e in Europa: le calze senza cucitura che si arricchiscono di altre velature e nuovi colori, mentre i progressi tecnologici rendono il nylon meno costoso e più accessibile.

 

L’evoluzione dei moderni collant - Allen Gant sr. nel 1958 lavorava alla Glen Raven Mills del North Carolina; seguì le indicazioni della moglie, che ebbe l'idea delle “panty-legs”, evolute nei successivi moderni collant. Calze e reggicalze erano una combinazione scomoda. Ellen Gant ha avuto l’idea di unire un paio di calze a un paio di mutande eliminando il reggicalze: chiese al marito di produrre qualcosa di più avanzato. Così sono nati i collant. Le panty-legs con il nuovo design non ebbero un grande successo fino alla metà degli anni '60 quando le minigonne sconvolsero la moda femminile.

 

Nel 1960 si avvia la seconda rivoluzione, firmata Du Pont. Il colosso americano lancia sul mercato il suo elastam Lycra, fibra inizialmente usata nelle calze medicali.

 

Quando, nella prima metà del'65, André Courrèges e Mary Quant lanciano la minigonna, il collant acquisisce una migliore vestibilità. La versione coprente diventa nuovo argomento di moda, frutto dell'incontro fra la tecnologia e nuovi filati di nylon.

 

  • 1970 - Calze e collant in pizzo,

  • 1980 - i velati eleganti e setosi,

  • 1990 - la ricerca del massimo comfort.

 

E nel Bel Paese?

 

In Italia, i primi collant sono prodotti dalla ditta Rhodiatoce e commercializzati con il marchio “nailon Rhodiatoce – Scala d'Oro”. Castel Goffredo, in provincia di Mantova, è famosissima come “città della calza”, il più importante distretto al mondo per la produzione dei collant.

Immagini di LG. Diritti riservati.

 October 2016 by Valeria Prisco